Business

Idee chiare, approcci audaci

Emma Bewick, una cliente business di Monese , parla dell'importanza di chiarezza e audacia nell'affrontare le sfide dell'imprenditoria.

di Sophie su 24 luglio 2019
Idee chiare, approcci audaci

Abbiamo introdotto i conti business nell'ottobre 2018 e stiamo rapidamente accogliendo molte aziende registrate nel Regno Unito. Con l'apertura del conto in soli due giorni, i pagamenti nazionali gratuiti, i trasferimenti internazionali a basso costo, un conto personale associato e una carta di debito contactless gratuita, il conto business Monese è perfetto per nuovi imprenditori esperti che cercano un'esperienza digitale di classe mondiale.

In una nuova entusiasmante serie di post sul nostro blog, chiediamo ai nostri clienti business cosa significa per loro iniziare un'attività? Quali sono alcune delle sfide più difficili che avete dovuto affrontare? In che modo il business banking può aiutare o ostacolare la crescita? Abbiamo una vasta gamma di aziende che utilizzano i nostri conti e non vediamo l'ora di imparare dai loro successi e fallimenti quando si tratta di creare la propria attività.

"Ho iniziato come una scommessa".

Emma Bewick è CEO di CELO-Global, una multinazionale leader nella pianificazione di eventi, progettazione e design istituita nel 2013. Emma potrebbe essere descritta come un'imprenditrice seriale, avendo gestito la Juno Productions, che poi si è trasformata in CELO-Global, per i 15 anni precedenti. Quando le ho chiesto perché gestiva la sua attività, la sua risposta immediata è stata: "Ho iniziato come una scommessa".

Il successo di Emma, tuttavia, era tutt'altro che dubbio. La chiarezza delle sue idee e la sua capacità di fare valutazioni avvedute quando si tratta di persone e progetti, è qualcosa che l'ha guidata durante i suoi 20 anni di esperienza imprenditoriale.

Emma ha iniziato la sua carriera nell'industria cinematografica, dove ha iniziato a percepire la sensazione di un sistema insoddisfatto dalle strutture di rete esistenti: "L'approvazione delle celebrità è fondamentale quando si tratta di brand. Il talento delle celebrità è abbastanza pesantemente protetto da pubblicitari, manager e agenti, ma sono tutti ai festival cinematografici per promuovere il loro prodotto. Spesso non sanno come connettersi tra loro."

Emma ha iniziato organizzando eventi vantaggiosi per tutti, facendo incontrare attori e manager pubblicitari durante i festival cinematografici: "Metto in contatto investitori, marchi e talenti in uno spazio sicuro con una lista degli ospiti accuratamente selezionata. Oltre alle attività di networking, gli eventi offrono ulteriori vantaggi commerciali di uno studio multimediale per promuovere cast e film e un'ospitalità favolosa che incoraggia lo sviluppo di nuovi business e il relax tra riunioni ed eventi."

L'esperienza è di gran lunga il migliore insegnante.

Essendo nella posizione particolare di aver avviato due attività commerciali, Emma è stata in grado di offrire molte informazioni su come affrontare le sfide di avviamento e crescita delle aziende. Quando le ho chiesto cosa avrebbe cambiato la prima volta, sapendo quello che sa ora, ha messo in campo l'esperienza come uno degli unici modi per imparare quando si tratta di prendere le giuste decisioni sulle persone: "Non cosa sarebbe potuto cambiare. L'esperienza è di gran lunga il migliore insegnante. Imparare a fidarsi del proprio istinto, in particolare nel mio settore, è fondamentale. Ci sono molte persone che parlano bene, ma in realtà hanno programmi molto diversi. Non esiste un vero modo per sapere che hai a che fare con un cliente onorevole fino a quando non ci hai effettivamente avuto a che fare. Ma avere una forte etica del lavoro, costruire una buona e solida reputazione e circondarsi di clienti e mentori di prim'ordine può portare risultati meravigliosi e grandi soddisfazioni."

Mi assicuro che il cliente capisca che non è solo una passeggiata nel parco.

Quando ho chiesto quale fosse la cosa più importante che avesse imparato nel corso della sua carriera, Emma ha parlato della sua relazione con i clienti e della gestione delle loro aspettative: "Mi rendo conto che le persone considerano gran parte di quello che fai per loro come scontato e non hanno idea della mole di lavoro che c'è dietro quello che fai. Quindi adesso cerco di essere molto chiara nello spiegare la portata del mio lavoro e quanta attenzione ai dettagli ci sia in esso. Mi assicuro che il cliente capisca che non è solo una passeggiata nel parco."

Ha spiegato che questo implica dire no a determinati clienti a causa della portata del lavoro, e la difficoltà, ma anche l'importanza, di abbandonare progetti eccitanti se i clienti non sono in grado a pagare per il suo tempo.

Ho chiesto ad Emma se fosse migliorata e avesse imparato a gestire il fallimento, ma lei ha detto che era sempre stata più abile a imparare che ad confrontarsi con il proprio successo: "Ho sempre avuto più paura di successo che di un fallimento. Quando non riesco, sono brava a rialzarmi, darmi una scossa e ripartire. Ma penso di soffrire di ansia da prestazione perché ho a che fare con clienti di altissimo livello e spesso mi chiedo come sono riuscita ad arrivare fino a qui."

Emma ha spiegato che il modo migliore per gestire questo tipo di paura è buttarsi e concentrarsi sul momento, non aspettarsi un cambiamento totale del proprio carattere: "È importante essere molto fiduciosi in se stessi" e affrontare le singole attività con questa idea in mente: "Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere? Buttati!"

Ho lavorato con tantissime banche diverse, sono tutte molto costose, e di Monese ho amato la semplicità.

Per quanto riguarda il settore bancario, Emma ha spiegato per quale motivo è passata a Monese: "Ho lavorato con tantissime banche diverse, sono tutte molto costose, e di Monese ho amato la semplicità. È la prima banca di cui mi sono fidata. Mi piace molto l'idea che (Norris) abbia in mente una banca che prenda in considerazione gli imprenditori, per questo ho deciso che Monese sarà la mia banca principale."

Emma ha avuto alcune intuizioni inestimabili da condividere con me. Avere un equilibrio di chiarezza e audacia - essere chiari sulle vostre idee e aspettative, e audaci nei vostri obiettivi - è stato quello che ho capito da lei essere la chiave per gestire imprese di successo.

Lei è solo uno dei titolari di aziende di talento che ha scelto di passare a Monese, quindi sarà emozionante vedere cos'altro verrà fuori in questa serie di post del nostro blog.



Sophie Product Marketing Manager
Share this article